”logodx"


News no image

Published on Gennaio 12th, 2012 | by Nidil_Firenze

0

Indennità una tantum per i lavoratori in somministrazione: riaperti i termini per le domande 2010-2011

È stato siglato il 16 dicembre scorso il verbale di intesa tra sindacati, Assolavoro, ministero del Lavoro, Inps e Italia lavoro che permette la riapertura dei termini – precedentemente interrotti per difficoltà burocratiche delle istituzioni preposte alla gestione della misura – per la presentazione delle domande per il sostegno al reddito dei lavoratori in somministrazione per gli anni 2010 e 2011.

L’intervento è frutto dell’accordo siglato il 13 maggio 2009 fra le stesse parti e prevede il riconoscimento di un’indennità una tantum pari a 1.300 euro ai lavoratori non destinatari di altre forme di sostegno al reddito.

Le domande per il biennio 2010-2011 potranno essere

presentate presso le filiali delle agenzie per il lavoro dalle ore 10 del 1 febbraio 2012 alle ore 13 del 30 marzo 2012 da parte dei lavoratori che, negli anni 2010 e 2011:

  • abbiano lavorato almeno 78 giornate in somministrazione a partire dal 1 gennaio 2008;
  • siano stati, successivamente, disoccupati almeno per 45 giorni continuativi precedenti la data dichiarata nella domanda;
  • non abbiano già beneficiato del contributo di 1.300 euro;
  • non abbiano percepito nei sei mesi precedenti la data di maturazione del requisito prestazioni pubbliche di sostegno di importo pari o superiore a 1.300 euro.

Potrà essere presentata una sola domanda.

I lavoratori che fossero stati per quel periodo in possesso dei requisiti potranno presentare la domanda presso le filiali delle agenzie per il lavoro presenti in tutto il territorio nazionale.

L’Inps redigerà, in seguito, una graduatoria sulla base della data di maturazione dei requisiti dichiarata dai lavoratori per gli anni 2010 e 2011 (e non in base alla data di presentazione della domanda). Entro il 31 maggio 2012 provvederà ai pagamenti delle istanze che risultassero accettate e fino a concorrenza dei fondi disponibili.

La misura è finanziata, infatti, attraverso il concorso di risorse pubbliche e della bilateralità del settore della somministrazione fino ad un importo massimo di 40 milioni di euro.

Per l’anno 2009 sono state finanziate 17.189 istanze, con una capacità residua quindi, di circa 12.000 domande.

Le istanze presentate dai lavoratori saranno liquidate fino a concorrenza delle risorse disponibili, ad oggi circa 17 milioni. In considerazione di ciò, è importante sapere che tutte le istanze verranno accettate dalle agenzie per il lavoro e dal sistema gestito da Italia Lavoro con “riserva di capienza“.

Le sedi territoriali di NIdiL CGIL sono a disposizione dei lavoratori per fornire maggiori informazioni e tutta l’assistenza per la verifica dei requisiti e la presentazione delle domande

presso le agenzie per il lavoro.


About the Author


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top ↑